COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

Provincia di Pordenone

LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE AL MANDATO AMMINISTRATIVO 2011-2016


PREMESSA

Le presenti linee programmatiche traggono origine dal programma di governo locale 2011/2016 che SINDACO E COALIZIONE hanno presentato agli elettori raccogliendone il consenso nella recente consultazione elettorale. Vengono qui riportate in una strutturazione che costituirà – metodologicamente – l’asse portante della prossima programmazione di bilancio triennale 2012-2014.

PER CONTINUARE BENE E COSTRUIRE IL FUTURO DI SAN VITO

Programma di governo locale 2011-2016

Obiettivi programmatici e politici per San Vito

Progettare la San Vito del futuro dando per un verso continuità alla buona amministrazione che ha caratterizzato l’operato della Giunta Comunale uscente e sviluppando per un altro l’innovazione e il rinnovamento necessari per realizzarla è il compito degli obiettivi programmatici e politici di seguito riportati. Il risultato è di riuscire ad avere una cittadina accogliente, vivibile, dove la qualità della vita, a partire da infrastrutture e facilità di muoversi, opportunità di lavoro e servizi a disposizione, bellezza d’ambiente e qualità sociale, siano elevati. Allora sviluppare a tutti i livelli l’innovazione rappresenta una necessità ed una risorsa in un quadro di risorse pubbliche sempre più ridotte. E’ in questo contesto che si verificherà la possibilità di ADESIONE DEL NOSTRO COMUNE ALLA ASSOCIAZIONE DEI COMUNI VIRTUOSI.

I PRIMI 100 GIORNI

PROGRAMMA DI AVVIO LEGISLATURA – OTTOBRE 2011.

1) Adozione e approvazione Variante Urbanistica entro settembre. La Circonvallazione resta il primo e fondamentale impegno di questa nuova amministrazione. Per questo abbiamo sottoposto al primo consiglio comunale la variante urbanistica per l'adeguamento dello strumento urbanistico alle prescrizioni del V.I.A. sul progetto definitivo. Ci impegneremo affinchè entro l'anno il progetto definitivo venga approvato dalla Regione ed effettivamente iniziate, da parte della Provincia, le procedure di esproprio.

2) Consegna lavori ristrutturazione Essicatoio Bozzoli – primo lotto.

A seguire con la realizzazione dei lavori dell'ascensore e degli arredi, entro fine anno l'immobile potrà essere consegnato per la nuova sede dei servizi sociali – importo complessivo dell'intervento euro 2.730.000,00;


Comprende 4 ettari di opere di mitigazione e risolve alcuni problemi del tracciato laddove si interseca con la viabilità pre-esistente. Questi i punti cardine della variante 57 al Piano regolatore, relativa alla circonvallazione, adottata ieri dal consiglio comunale. L'opera partirà dalla futura rotonda (dove si innesterà anche via Comunali) a Ponte Rosso per collegarsi alla rotatoria (da costruire) in viale San Giovanni (all'altezza della doppia curva). La strada toccherà via Canedo (anche qui sarà fatta una rotonda), passerà sopra la linea ferroviaria e sarà realizzata una complanare per collegare via delle Sentis con la chiesetta di S. Carlo.

Di Bisceglie Antonio sindaco, con deleghe Beni e attività culturali, Urbanistica.

Carlo Candido con delega alle Politiche giovanili, Associazionismo, Diritti dei consumatori, Volontariato.

Pier Giorgio Sclippa ha delega all'Istruzione, Formazione, Lavoro, Attività produttive, Rapporti con il consiglio comunale.

Gio Battista Scodeller con deleghe al coordinamento e gestione dello sportello amministratori di sostegno, dello sportello protezione giuridica e dei rapporti con gli organi istituzionali.

David Quarin con delega al Bilancio.

Circonvallazione
la variante
in Consiglio

Martedì 21 Giugno 2011,
SAN VITO - (em) È stato convocato per sabato dalle 9.30, a palazzo Rota, il consiglio comunale. All'ordine del giorno, l'adozione della variante 57 che integrerà l'iter per la circonvallazione, l'approvazione del programma amministrativo oltre ai criteri generali per il nuovo consiglio comunale e quelli in materia di ordinamento degli uffici e dei servizi che come spiega il sindaco Antonio Di Bisceglie «permetteranno di riorganizzare la struttura comunale». Si provvederà infine a modificare la commissione edilizia eliminando anche l'ultima presenza politica ovvero la presidenza che spettava al sindaco o suo delegato. Piccola curiosità: Di Bisceglie ha annunciato che una volta che verrà effettuato il censimento Istat della popolazione (si terrà ad ottobre) che attesterà che San Vito è una cittadina che ha superato la soglia dei 15mila abitanti «istituiremo di nuovo la figura del presidente del consiglio».

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI