Primo proponente: Giorgio Zanin

Gruppo politico: PD

Altri Consiglieri proponenti: Fabio Gasparini, Rita Bragatto, Alfredo Diolosà, Michele Padovese, Luciano Pezzin, Luca Zanut

Presentata il: 5 febbraio 2010

Richiesta risposta: scritta

Oggetto: avanzamento dei lavori Circonvallazione San Vito

Al Sig. Presidente dell’Amministrazione Provinciale

dott. Alessandro Ciriani

Al Sig. Assessore Provinciale competente

Preso atto del rigetto del TAR

- del ricorso n° 320 contro Regione, Provincia e Comune di San Vito al Tagliamento che chiedeva l’annullamento del decreto regionale n°192 del 27 marzo 2009 che autorizzava sotto il profilo paesaggistico la realizzazione della circonvallazione di San Vito

- del ricorso n° 486 del 2008 contro Comune di San Vito al Tagliamento, Provincia di Pordenone e Regione, relativo alla deliberazione della Giunta regionale n. 1242/08 che dichiarava la compatibilità ambientale dell’opera

- del ricorso n° 70 del 2008, contro la deliberazione del consiglio comunale di San Vito (n. 67 del 14 novembre 2007) di variante al Prgc, nonché la deliberazione comunale n. 142 del 25 giugno 2007, conseguenti alla delibera della Giunta provinciale di adozione del progetto definitivo

Constatato dunque che non esiste allo stato attuale alcun impedimento all’avvio dei lavori relativi ad un’opera discussa da molto tempo, il cui ritardo ulteriore di realizzazione - a prescindere da qualunque valutazione di opportunità sul tracciato finale prescelto a discapito delle alternative discusse – aggraverebbe ulteriormente agli occhi dei cittadini il fallimento implicito dell’attività politica ed amministrativa di tutti i soggetti implicati

Assunto che al momento tutto giace presso gli uffici della Provincia, Ente che ha in carico la direzione lavori

I SOTTOSCRITTI CONSIGLIERI

INTERROGANO

il Presidente della Provincia e l’assessore competente

per conoscere:

- lo stato del progetto


- il calendario dei passi futuri


- i contatti intrapresi dalla Provincia con la Regione al fine di ottenere i finanziamenti relativi al completamento dell’opera per i quali la Regione si è più volte resa disponibile in termini di completa copertura

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI