E’ davvero una novità da mese di agosto, degna di un panzer che cerca di passare inosservato mentre attraversa il deserto, questa di un’autosospensione di un segretario politico che nel momento in cui ammaina la bandiera giura fedeltà alla causa. Primo perché non si capisce come mai ciò avvenga ora: quali dati supplementari sono arrivati in possesso di Bortolotti e della Lega per decidere questo passo (in avanti)? Cos’è cambiato rispetto a 6 mesi fa insomma?

MESSAGGERO VENETO - 29 APRILE
Stoppato il dibattito sugli organismi geneticamente modificati in agricoltura che aveva animato la precedente seduta del consiglio provinciale. Nella serata di ieri, quando si è passati alla discussione dell’ordine del giorno proposto da Pd, Libertà civica e Italia dei valori, contro l’introduzione degli Ogm, il capogruppo del Pdl, Antonio Sartori di Borgoricco, ha mosso un’eccezione procedurale, ovvero che la questione, essendo stata già discussa, a norma dell’articolo 31, comma 2, del regolamento non poteva essere ripresentata prima di quattro mesi.

SULL’INCONTRO ORGANIZZATO DAL GRUPPO CONSIGLIARE PROVINCIALE DEL PARTITO DEMOCRATICO CON DEBORA SERRACCHIANI E GLI AMMINISTRATORI E SEGRETARI DEL PD DELLO SPILIMBERGHESE

Continua il dialogo di Giorgio Zanin e del Gruppo consigliare provinciale del Partito Democratico con i territori. Giovedì a Solimbergo si è raccolto un nutrito gruppo di amministratori e dirigenti del PD per una panoramica delle principali problematiche dello spilimberghese, avviata da una approfondita relazione del segretario del circolo di Spilimbergo, Fabio Martina.

La Provincia ha competenza primaria in tema di edilizia scolastica e della sua programmazione.

L’interrogazione dei gruppi di opposizione, PD e Cittadini, vuole verificare le azioni che l’ente intende promuovere per consentire alla società Stu Makò di raggiungere il suo oggetto sociale, che prevedeva la costruzione degli edifici per ospitare le scuole Istituto d’arte e l’IPSIA, per un valore di 35 milioni di euro.

In queste settimane si torna a parlare di immondizie. Stante le anticipazioni a stampa sul Piano regionale dei rifiuti fornite pubblicamente dall’Assessore De Anna, a quanto pare la strada dell’incenerimento è nuovamente alle porte.

Come ho già avuto modo di dire in altre occasioni, ritengo questa prospettiva del tutto inaccettabile per varie ragioni.

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca QUI