Il Circolo PD di Pordenone si riunirà domenica 2 aprile (dalle 9.30 alle 13.00) in Sala Degan, presso la Biblioteca Civica di Pordenone.

Saranno presentate le tre mozioni congressuali e, a seguire, si aprirà il dibattito.

Nel corso dell'Assemblea si procederà anche alla votazione dei rappresentanti di Circolo alla Convenzione Provinciale,

che dovrà poi procedere alla nomina dei rappresentanti che a Roma

il 9 aprile ratificheranno la candidatura di Emiliano, Orlando e Renzi a Segretario del Partito Democratico.

 

EVENTO FB 

https://www.facebook.com/events/1455439057814299/

 

congresso 2017 infog

 

“”

ore 21 Ballo con DANZA MANIA

404errorSpiacente la pagina

che cercavi non è più

nel posto nella quale

la stai cercando.

Ecco la RETE

della nostra Organizzazione.

 


  – da approvare – che tra le ipotesi prevede la pena di morte, aggiungendo che questa norma sarebbe stata un ”regalo di Natale” per tutti gli ugandesi anti gay. Come è possibile che proprio per un’occasione tanto speciale, come il Natale, il Papa possa sostenere l’ipotesi di un regalo tanto crudele e anticristiano? L’omosessualità esiste in natura e lo sostiene l’OMS quando la esclude dalle malattie e riguarda il sentimento, l’istinto, la passione: come può essere che un gesto d’amore possa essere causa di distruzioni e guerre? Il tema dei diritti è cosa assai seria, riguarda tutti e non deve essere mai strumentalizzato, soprattutto da autorità tanto significative. Non possono essere “verità di fede” i principi sulla famiglia eterosessuale e, fortunatamente, non tutti i cristiani, come non tutti gli islamici, si identificano nell’integralismo dei loro leader che, in fondo, restano capi di residuali monarchie assolute ancora investite per “diritto divino”.

La modernizzazione è certamente un fenomeno complesso e con sentieri molto tortuosi, ma la natura umana è più diversificata e meno statica di quel che creda il Papa e anche i Cattolici hanno già in diverse occasioni saputo far prevalere le ragioni per farla progredire, come per il divorzio e l’interruzione della gravidanza. Questa volta il disaccordo non può che essere totale, senza “se” e senza “ma”.

Rosario Sisto

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI