TAPPE CONGRESSO 2018

Rinnovo dei Circoli

DOCUMENTI

Candidato PN

Candidato FVG

Ai/Alle Segretari/e dei circoli del pordenonese
Ad iscritti ed iscritte

Care Democratiche, Cari Democratici,

come è noto ha preso il via il percorso congressuale per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea regionale. Nei prossimi giorni si terranno delle assemblee territoriali aperte ad iscritti ed iscritte, elettori ed elettrici, simpatizzanti nelle quali il canidato alla Carica di Segretario regionale Cristiano Shaurli e Paolo Coppola (candidato che come di certo sapete si è ritirato dalla corsa per favorire un percorso unitario) presenteranno il documento programmatico di base che insieme hanno predisposto e che viene allegato alla presente.

Durante queste assemblee potranno essere presentate, da un numero minimo di 5 iscritti/e, proposte emendative e integrative del documento base proposto dal candidato Segretario, da consegnare al componente della Commissione regionale e/o provinciale presente ai lavori: le proposte emendative ed integrative dovranno essere contenute in un massimo di 10 righe ed attenere ad un tema specifico. Tutte le proposte emendative ed integrative sono censite dalla Commissione Congressuale regionale che ne cura lo scrutinio ed ammissibilità; il Segretario Regionale può integrare o emendare il proprio documento base, sulla scorta delle proposte pervenute dai territori, fino all’avvio della discussione in Assemblea regionale; le proposte emendative o integrative, ritenute ammissibili e non fatte proprie dal Segretario, sono comunque votate dall’Assemblea regionale che approva quindi il documento definitivo.

 Sul territorio della Provincia di Pordenone si terranno i seguenti incontri

 1) LUNEDI' 19 NOVEMBRE ORE 20.30 EX CASEIFICIO DI SPILIMBERGO (via Richelda da Spilimbergo) - incontro rivolto ai circoli ricadenti nel territorio delle UTI delle Valli e Dolimiti Friulane, ovvero dei Circoli  di Maniago - Vajont- Fanna- Arba -  Cavasso Nuovo, Montereale Valcellina - Andreis - Barcis, San Giorgio della Richinvelda, Sequalss, Spilimbergo, Val Cosa, Vito D'Asio, 

2) GIOVEDI' 22 NOVEMBRE ORE 20 CENTRO SOCIALE GLORIANZA (via Pirandello, 22) PORDENONE - Incontro rivolto ai circoli ricadenti nel territorio delle UTI Noncello e Sile e Meduna, ovvero ai circoli di di Azzano Decimo, Chions - Pravisdomini, Cordenons - San Quirino, Fiume Veneto, Pasiano di Pordenone, Prata di Pordenone, Porcia, Pordenone, Roveredo in Piano, Zoppola

3) MARTEDI' 27 NOVEMBRE ORE 20.30 SALA CONSILIARE SAN VITO AL TAGLIAMENTO - incontro rivolto ai circoli ricadenti dell'UTI Tagliamento, ovvero ai circoli di Casarsa, Cordovado - Morsano, San Vito al Tagliamento, Sesto al Reghena, Valvasone - Arzene - San martino al Tagliamento.

4) MERCOLEDI' 28 NOVEMBRE ORE 20 SALA BRUGNACCA DEL CENTRO ZANCA (via Zancanaro 8) SACILE - incontro rivolto ai circoli ricadenti nell'UTI Livenza - Cansiglio - cavallo ovvero ai circoli di Aviano, Brugnera, Budoia, Caneva, Fontanafredda, Polcenigo e Sacile.

Sperando in una massiccia partecipazione, saluto cordialmente

Armando Zecchinon
Presidente della commissione provinciale congressuale

 


 

IL 2 DICEMBRE 2018 si sarebbero tenute  le primarie per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea Regionale. Il percorso si  è concluso prima con la candidatura unitaria a livello regionale.

Spitaleri, segreteria unitaria sfida sovranisti Fvg

 “La segreteria unitaria è un punto di partenza per un partito che rilanci la sua azione politica in regione, che si offra come interlocutore per quanti vedono i pericoli e le derive del governo a trazione sovranista e scassaconti, che sia sempre più radicato nei territori della nostra regione che, per geografia e vocazione, guarda all’Europa”. Lo scrive il segretario del Pd del Friuli Venezia Giulia Salvatore Spitaleri, in una lettera indirizzata al segretario nazionale Maurizio Martina e alla Direzione regionale del partito, cui dà conto dell’esito di una serie di incontri che hanno creato le condizioni per una soluzione unitaria che vede, con il ritiro della candidatura di Paolo Coppola, la convergenza sull’unico candidato Cristiano Shaurli, come prossimo segretario Pd Fvg l’accordo su Paolo Coppola quale vicesegretario. 

 
Spitaleri, che ha espresso la sua soddisfazione per il buon esito del mandato che gli era stato affidato, ha sottolineato che in questo percorso “vi è la prova  della consapevolezza di tutto il Pd Fvg rispetto alla richiesta di unità e soprattutto verso le sfide di ciò che è fuori dal Pd”.
 
Il segretario del partito ha inoltre indicato quale “altro elemento qualificante” la decisione che è  stata condivisa in merito al programma per i prossimi anni: “sarà frutto di ascolto, confronto, integrazione da parte territori e non di una semplice sintesi tra i programmi dei due ex candidati. Per questo – ha spiegato Spitaleri – porterò la disponibilità di Cristiano Shaurli e Paolo Coppola ad un intenso periodo di confronto nei territori, con iscritti, elettori e simpatizzanti, per arricchire la bozza di documento programmatico che verrà approvato dall’Assemblea Regionale che si insedierà, con il nuovo segretario, il prossimo 2 dicembre”.

 

 

 

L’unità è il metodo per condurre un’opposizione forte e efficace, ed esprime la volontà degli iscritti e del popolo vicino al Pd”. Lo ha detto oggi a Trieste il segretario regionale del Pd Salvatore Spitaleri, presentando in una conferenza stampa il segretario entrante, Cristiano Shaurli assieme al suo vice Paolo Coppola, che giungeranno al congresso del 2 dicembre con una candidatura unitaria.
 
Spitaleri ha illustrato i quattro i temi su cui “il partito si è particolarmente impegnato in questi mesi”, e cioè la sanità “con l’operazione ‘cosmetica’ che sta proponendo il centrodestra”, gli Enti locali “dove la maggioranza è ferma a una fase progettuale che rischia di sacrificare territori”, le infrastrutture “che per la regione sono condizione di sviluppo e su cui da sei mesi brilla l’assoluto silenzio”, e infine il tema dell’economia e dello sviluppo che è rimasto “nascosto e silenzioso, proprio mentre i prossimi mesi saranno impegnativi perché la manovra del Governo nazionale crea tutti i presupposti per una crisi gravissima e sarebbe dunque necessaria un’attivazione della Giunta regionale”. Per il segretario dem invece “si è sentito molto l’attivismo messo nella costruzione e ricerca delle poltrone, una vera fame che non tiene conto dei profili di competenza ma serve ad accontentare gli amici degli amici”.
 
“L’unità dunque – ha continuato Spitaleri – serve a fare opposizione con l’obiettivo di preparare l’alternativa, non solo al sovranismo che chiude anche la nostra regione in un recinto stretto, ma anche a un’opera di frammentazione e di divisione sociale, alla voglia di sopraffare soprattutto chi la pensa diversamente. Il percorso che ha portato alla scelta del segretario regionale non è avvenuto in un ‘caminetto’ e non è un accordo di persone ma una partecipazione di responsabilità”. In chiusura il “ringraziamento a Paolo Coppola perché ha voluto una condivisione e a Shaurli che si è impegnato a essere non elemento di sintesi ma segretario per tutti gli iscritti, i simpatizzanti e iscritti del Pd”.
 
Paolo Coppola ha dichiarato che “ci siamo resi conto che in questo momento il nostro partito e i cittadini chiedevano un atto di responsabilità, uno sforzo da parte nostra di concentrarci sulle cose che abbiamo in comune, che sono molte più di quelle che ci dividono”.
 
“Serve un Pd che si concentri nel ricostruire un rapporto di fiducia con i cittadini”, ha aggiunto Coppola, che si è detto “fortemente convinto che ci sia bisogno di un Pd che si rinnovi, che sia un posto in cui le persone perbene possono venire con fiducia a dare contributo. Sono sicuro che lavoreremo bene assieme per i quattro anni che ci attendono, ridando forza e speranze a persone che vogliono impegnarsi e non rassegnarsi a quello che sta accadendo. Mi è sembrato doveroso un passo di lato e – ha concluso – mettermi a fianco di Shaurli e assieme a tutti quelli che vorranno ricostruire il Pd e dargli forza”.
 
Il segretario in pectore Cristiano Shaurli, dopo aver rivolto un “ringraziamento a Coppola e a Spitaleri, che ha condotto il Pd in una fase difficile facendo di tutto per il bene della nostra comunità”, ha detto che la richiesta di unità che arriva dagli iscritti “significa più discussione non meno”, e che non si devono “più fare gare tra persone per la conquista di posto di potere”. La nuova segreteria intende “tornare a parlare con i cittadini sui temi e sulla proposta politica del Pd, condividere il nostro documento programmatico non solo con gli iscritti ma anche con categorie, sindacati, associazioni e tutto ciò che rappresenta il tessuto migliore della nostra regione. Nello stesso tempo dobbiamo ricostruire un partito di prossimità presente in tutti i comuni, che fa attività, formazione e cresce una nuova classe dirigente”.
 
Il Pd ha di fronte “un’opposizione dura verso un governo regionale che dopo sei mesi ci presenta un conto con su scritto ‘niente’. Perché, al di là di atti strumentali, non abbiamo visto ancora un provvedimento per il bene dei cittadini e per il tessuto imprenditoriale e socioeconomico. Le categorie e le imprese cominciano a chiedere risposte e noi dobbiamo rimetterci in connessione con questo mondo. Anche quel poco che abbiamo visto, ad esempio le norme sugli Enti locali, rinvia la risposta di un anno: è da irresponsabili. Noi, cinque anni fa – ha ricordato Shaurli – nei primi sei mesi avevamo abolito i vitalizi e creato un fondo anticrisi di 180 milioni, questi hanno fatto 10 assessori esterni”.
 
“La scelta che abbiamo fatto in Friuli Venezia Giulia dà un segnale anche a livello nazionale: bisogna superare nei fatti la divisione per correnti. Vogliamo, come ha detto bene Coppola, un “Pd a statuto speciale”.
 
Riferendosi all’attività in Consiglio regionale, Shaurli ha indicato in particolare che “sugli Enti locali noi siamo responsabili e ascoltiamo le proposte della maggioranza, ma ad oggi al di là di sentirci dire che le Uti non vanno bene, una proposta alternativa chiara per i nostri amministratori locali non c’è. Parlano di ritorno a enti elettivi di secondo livello e questo sarebbe un grandissimo errore“, ha stigmatizzato. Riguardo la finanziaria 2019 “abbiamo sentito parlare molto di risorse che dovevano arrivare dallo Stato, ma nessuno ha notizie di queste risorse, anzi sembra vi saranno decurtazioni al sistema delle autonomie locali. Stiamo aspettando – ha concluso Shaurli – che questa maggioranza dica al sistema socioeconomico regionale con che risorse faremo il bilancio tra poche settimane”.

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI