IVO ANGELIN

Logo PD SE 600x600


1) DANIELE CARLON SACILE (PN) 22/11/1982


2) NATALE CAMEROTTO PRAMAGGIORE (VE) 25/12/1947

3) ANNARITA CAPUTO L'AQUILA 24/09/1971

4) GRETA CARLON AVIANO (PN) 24/03/1973

5) FELICE FORT BUDOIA (PN) 17/07/1951

6) ANTONIO FRANGIPANE DI REGALBONO UDINE 08/07/1962

7) PIETRO IANNA BUDOIA (PN) 27/11/1946

8) UGO PIAZZA PUOS D'ALPAGO (BL) 20/09/1951

9) ANNA ULIAN PORDENONE 19/10/1972

10) ELEONORA ANGELA VENIER UDINE 03/01/1992

11) ALESSIA VICENZI PORDENONE 21/12/1992

12) FABIO SCUSSAT SACILE (PN) 13/09/1952

Budoia. Per Ivo Angelin, 66 anni, più che di ritorno a Budoia – dove trascorre molti mesi all’anno con la famiglia – si deve parlare di nuovo impegno al servizio della comunità, quale candidato sindaco del Pd e di Prospettiva Futura, il centrosinistra.

«Con Ivo Angelin, candidato primo cittadino – dice Roberto De Marchi, sindaco uscente – il centrosinistra si ripropone ai budoiesi con la stessa determinazione e volontà di dare risposte concrete alle loro istanze. Sono qualità che, con l’armonia della nostra coalizione, hanno caratterizzato l’azione di governo nei nostri due mandati, ponendo i presupposti per una conferma del centrosinistra, guidato da Ivo Angelin, persona di grandi capacità, animato da passione e spirito di servizio per Budoia e la sua gente».


Tanti sono i budoiesi come Ivo Angelin. Nel dopoguerra le loro famiglie si sono spostate a Venezia, Milano, in cerca di lavoro. Un’emigrazione che ha rafforzato il loro legame con Budoia. «Mi hanno offerto la possibilità di candidarmi sindaco – dice Ivo Angelin, ex manager bancario –, ho accettato per i forti sentimenti che nutro per Budoia. Desidero ricambiare la comunità dove ho vissuto da bambino, dove ho incontrato mia moglie Cristina, dove vivono mia madre Anna e mia sorella. L’essere partito da bambino per seguire a Venezia mio papà Nicola, chef al ristorante del “Danieli”, mi fa appartenere a quella forte generazione di budoiesi che, grazie al loro ingegno, si sono affermati nei più grandi alberghi del mondo. Intendo mettere a disposizione della comunità le mie competenze, misurandomi con l’amministrazione comunale, convinto di dover fare qualcosa».

Laurea a pieni voti in a Ca’ Foscari, Ivo Angelin, due figli, ha svolto la sua vita lavorativa di manager, responsabile amministrativo e finanziario, nella ex banca Commerciale e per Intesa San Paolo. —


Liberamente tratto da il Messaggero Veneto del 24/03/2019 scritto da S.C.

Programma elettorale

Angioletta Delle Rive dei fiori nella festa delle donne in memoriaLa piangono Pd, Cgil e Anpi e la comunità di Budoia, senza di lei, è più sola. 

Sonia Sfreddo non c’è più. Aveva 62 anni, e la comunità di Budoia, senza di lei, è più sola. Chi l’ha conosciuta la ricorda per la sua vita lavorativa, il suo impegno politico nel Pd, il suo attivismo per i diritti delle donne nel comitato “Se non ora quando”, di cui era coordinatrice provinciale, nel sociale con il volontariato e nell'Anpi, l'associazione dei partigiani d'Italia. Donna cortese e dal sorriso contagioso, ha lavorato a lungo come cassiera alla filiale di Roveredo della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia. Andata in quiescenza. è divenuta la segretaria del circolo del Pd di Budoia e, con lei, il partito è diventato la forza politica di maggioranza, la più votata in consiglio comunale. Attivista per i diritti delle donne, Sonia ha aperto la tradizione di festeggiare l'8 marzo portando i fiori a Pordenone, dietro Piazza della Motta, sul monumento che il Comune ha dedicato ad Angioletta Delle Rive, umile popolana, accusata di stregoneria e fatta morire nel carcere dell'inquisizione il 4 gennaio 1651. Consapevole del male che la consumava, Sonia non aveva voluto essere candidata nel Pd alle elezioni comunali del 2014, vinte dal centrosinistra, e pur partecipando alla campagna elettorale si era dimessa anche da segretaria del partito. In questi giorni sono davvero tanti a stringersi alla famiglia, esprimendo commozione e cordoglio al marito Ugo, ai figli Gabriele e Daniele alla sorella Gabriella al cognato, ai nipoti Thomas e Matteo a tutti i parenti e ai tanti amici.

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI