INCONTRACI IN PROVINCIA di Pordenone

  • 26 Set
    Corso movimentazione 26 Set 2018 14:00 to 19:00

    1400 1800 26 e 27 Azzano x palestra Cdr 18061

  • 26 Set - 27 Set
municipio franceseCari democratici,
 i tragici fatti di Parigi ci impongono di manifestare la nostra solidarietà al popolo francese condannando con fermezza i gesti disumani a cui abbiamo assistito.Vi chiedo di partecipare alla manifestazione organizzata per domani sera
 
domenica 15 novembre alle 17.30
 
 
sotto la Loggia del Municipio
 
e di favorire la partecipazione di iscritti, simpatizzanti e cittadini. La manifestazione si svolgerà in concomitanza con quella prevista a Trieste davanti al Consolato di Francia e avrà luogo senza simboli di partito.

A tutti Voi un caro saluto.

Giuliano Cescutti - Segretario Provinciale.

manifestazionepn

verso il piano energetico

 

"Non ereditiamo la terra dai nostri antenati, la prendiamo in prestito dai nostri figli" Proverbio del Popolo Navajo

venerdì 18 settembre 2015  ore 15:30

Sala consiliare del Comune di Pordenone
Corso Vittorio Emanuele II, 64

Gradita iscrizione qui

Il Friuli Venezia Giulia sta affrontando un momento storico decisivo per scegliere quale sia il modello di sviluppo al quale tendere e il tema dell'energia, per il particolare momento di transizione che sta viviendo a livello italiano e internazioanale, può contribuire in maniera determinante a realizzare l'idea di futuro che vogliamo perseguire.

Siamo all'inizio di una nuova era e con il nuovo Piano Energetico regionale diamo avvio a una new green economy rivoluzionaria , innovativa e di altissimo livello tecnologico, che guarda con coraggio alle grandi sfide che ci attendono.

locandinaSabato 18 luglio 2015 importante appuntamento a Pordenone. Il gruppo consiliare del Partito democratico del Friuli-Venezia Giulia ha organizzato, a partire dalle ore 9:00, un evento in cui si parlerà di Europa e del momento non felice in cui versa il nostro continente.

Sede del incontro la sala Degan della Biblioteca civica, in Piazza XX Settembre. Ricco sia il parterre di relatori che la scaletta degli argomenti. Aprirà le danze la vicecapogruppo dem in Consiglio regionale Chiara Da Giau, chiamata a relazionare su un topic dal titolo già di per sé più che eloquente: “Europa, questa sconosciuta”. Interverrà nel dibattito, al quale prenderà parte anche Antonio Di Nunzio, direttore di Alesa Srl, la segretaria regionale Pd Antonella Grim.

La seconda parte della mattinata, a partire dalle ore 10.40, sarà dedicata alle “Basi di Europrogettazione”. In particolare, si farà riferimento al cosiddetto Piano Juncker, che prevedrebbe, nel corso dei prossimi anni, sostanziosi investimenti  a favore della crescita del vecchio continente. Ad aggiornarci sullo stato dei lavori (che per la verità non paiono in stato molto avanzato), l’eurodeputata Pd Isabella De Monte, membro della Commissione per i Trasporti e il Turismo.

In seconda battuta, relazionerà Alessandro Anghileri, amministratore Unico di Fin Project Srl, che spiegherà le differenze tra le diverse tipologie di finanziamenti comunitari: fondi diretti, indiretti, strutturali.

Vista la rilevanza dei temi trattati, il Pd di Pordenone si augura una nutrita partecipazione della cittadinanza.

Gradita la preiscrizione per segnalare la presenza a questo link goo.gl/forms/oBb0f50sOh

Di seguito i link al volantino e al programma della mattinata. 

Nell’ambito della Festa de l’Unità, ci sarà la riunione dell’Assemblea Provinciale che si terrà:

Giovedì 10 settembre 2015 alle ore 18.30 a Pordenone presso il polisportivo della FESTAINPIASSA via pirandello 22, Pordenone

i lavori dell’Assemblea avranno l’obiettivo di sviluppare il dibattito tra iscritti, simpatizzanti ed Il PD CHE VOGLIAMO...

Il 4-6-2015 La Giunta Regionale ha individuato, la delimitazione geografica delle Unioni territoriali intercomunali (UTI), che saranno 18, con il compito di gestire funzioni amministrative in forma coordinata. Sono seguite numerose proposte e comunicazioni da parte di singoli Comuni, con la richiesta per esempio di spostamento da una UTI all'altra. Non tutte hanno potuto essere accolte, in base alla legge di riforma. La Giunta regionale ricorda comunque che la legge 26 del 2014 consente la possibilità di fusione fra UTI confinanti e che le Unioni possono convenzionarsi fra loro o con singoli Comuni esterni, per la gestione coordinata di determinate funzioni.

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI