TAPPE CONGRESSO 2018

QUANDO LE RIUNIONI

DOCUMENTI

Primarie 2018

INCONTRACI IN PROVINCIA di Pordenone

  • 26 Ott
    Fontanafredda: Bolzonello e De Monte sul Lavoro.... 26 Ott 2018 20:00 to 22:00

    LE ISTITUZIONI EUROPEE E REGIONALI PER IL LAVORO: QUALI OPPORTUNITA’? ne parliamo con: ISABELLA DE MONTE Europarlamentare del Partito Democratico SERGIO BOLZONELLO Consigliere regionale e Capogruppo

  • 26 Ott - 26 Ott

Iscriviti, per restare aggiornato sulle attività del Partito Democratico. 

 

INFORMATIVA

Iscrivendoti sarai informato tempestivamente, ma con discrezione, sui principali aggiornamenti del sito

Note sulla privacy:
INFORMATIVA AI SENSI DELL'ARTICOLO 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196/2003 SULLA TUTELA DEI DATI PERSONALI

Si informa che i dati personali che verranno raccolti da www.pdpordenone.it, per permettere l'aggiornamento" circa le novità e le iniziative, saranno oggetto di trattamento nel rispetto della legge n°196/2003.

Lo scopo della raccolta e del trattamento è di disporre degli indirizzi di posta elettronica al fine di aggiornare automaticamente gli utenti attraverso l'invio di e-mail. Il conferimento dei dati è facoltativo essendo funzionale agli scopi sopraddetti.

I dati non verranno comunicati né diffusi a terzi e verranno conservati sia su supporto magnetico che su supporto cartaceo. Rispetto a tali dati, l'interessato potrà esercitare i diritti di cui all'articolo 7 della legge n° 196/2003.

Art. 7. Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti
1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

 

REGOLAMENTO PER IL PROCESSO DI RADICAMENTO

DEL PD NEL TERRITORIO

DELLA PROVINCIA DI PORDENONE


PREMESSA


Dal 7 gennaio 2008 è indetta una "Campagna per la costruzione del Partito Democratico del Friuli Venezia Giulia": tutte le cittadine ed i cittadini inclusi nei registri dei votanti delle primarie del 14 ottobre potranno richiedere e ricevere l'Attestato di "Fondatrice/Fondatore del Partito Democratico".


Gli attestati saranno distribuiti ad ogni Comitato Promotore locale del Partito Democratico il quale provvederà ad indicare le migliori modalità di consegna e le eventuali iniziative di distribuzione .

 

La consegna degli Attestati prosegue anche dopo lo svolgimento delle Assemblee dei Circoli.


All'atto della ricezione dell'Attestato, ad ogni Fondatrice/Fondatore viene chiesto un contributo volontario per finanziare la fase costituente e le iniziative di costruzione del PD sul territorio; tali contributi vengono trasferiti al Tesoriere provinciale, che ne devolve il 30% al Tesoriere regionale.




Art. 1


(Circoli territoriali)



Il PD si radica sul territorio attraverso la formazione di Circoli territoriali, a livello comunale, subcomunale, sovracomunale.


La configurazione dei circoli territoriali a livello comunale , subcomunale o sovracomunale sarà stabilita dai Comitati Promotori locali del Partito Democratico tenendo conto dei comuni o territorialità che hanno caratterizzato i seggi delle primarie del 14 ottobre.


La fase di costituzione dei Circoli dovrà essere completata entro il 10 febbraio 2008.


Art. 2


(Assemblee dei Circoli)



Per la costituzione dei Circoli vengono indette, dal Segretario provinciale, apposite Assemblee, alle quali sono invitati gli elettori alle primarie del 14 ottobre, residenti nel territorio su cui insiste il Circolo.

La convocazione può anche avvenire a mezzo stampa, e comunque con la massima diffusione possibile.


L'Assemblea è presieduta dal Sindaco o Assessore anziano o Capogruppo consiliare, se aderenti al PD, o da delegato del Coordinatore provinciale.


Il Coordinamento Provinciale demanda ai singoli circoli territoriali modalità e forme di convocazione e svolgimento con le modalità stabilite dall' art. 5 e dall'art 10

Art. 3


(Forme di partecipazione di coloro che non hanno votato alle Primarie del 14 ottobre)



Coloro che non hanno partecipato alle Primarie del 14 ottobre, ma che intendono dare il loro contributo alla costruzione del PD sul territorio, per partecipare con diritto di voto alle Assemblee di circolo, devono richiedere di persona all'Ufficio tecnico - amministrativo provinciale (UTAP) competente l'Attestato di "Fondatore del PD" non oltre il giorno precedente allo svolgimento della propria Assemblea. A tale scopo è compito dell'UTAP rendere pubbliche le modalità e gli orari di accesso ai propri uffici.


Gli studenti fuori sede e i lavoratori fuori sede, nonché coloro che abbiano la sede principale dei propri interessi in luogo diverso da quello di residenza, sono ammessi a votare, rispettivamente, nella loro sede universitaria o di lavoro o nel luogo ove hanno la sede principale dei propri interessi..




Art. 4


(Adempimenti preliminari alle Assemblee di Circolo)



Il numero dei delegati da eleggere nella Assemblea comunale e la loro ripartizione fra le Assemblee di Circolo sarà stabilito dagli stessi Comitati Promotori Locali che ne compongono il Circolo comunale .


Il numero dei delegati da eleggere nella Assemblea provinciale e la loro ripartizione fra le Assemblee di Circolo Comunale o Sovracomunale sarà indicato dal Coordinamento Provinciale sulla base di un calcolo che terrà conto al 50% dei voti ottenuti alle primarie del 14 ottobre e al 50% della popolazione del territorio del Circolo che si andrà a formare . Ad ogni Circolo Comunale o Sovracomunale sarà garantito almeno 1 delegato all' Assemblea provinciale. Al numero dei delegati da eleggere nella Assemblea provinciale verrà sottratto il numero dei corrispondenti appartenenti al Circolo che fanno già parte dell' assemblea provinciale in quanto eletti alle primarie del 14 ottobre o successivamente cooptati .





Art. 5


(Svolgimento dell'Assemblea di Circolo)



Possono partecipare alla Assemblea di Circolo, con diritto di voto, tutti i partecipanti alle Primarie del 14 ottobre ricompresi nella realtà territoriale su cui il Circolo insiste, nonché i soggetti di cui all'art. 3.


Le Assemblee si svolgono in forma pubblica e il diritto di parola deve essere assicurato anche ai non partecipanti alle Primarie.


Oltre alle operazioni di voto, le Assemblee devono comprendere un tempo dedicato al dibattito per affrontare ogni aspetto relativo alla costruzione e al radicamento del PD sul territorio.


Il Presidente in apertura illustra ai presenti le modalità di svolgimento dell'Assemblea e i relativi compiti e dichiara formalmente costituito il Circolo del PD, in attesa della configurazione definitiva, che sarà stabilita dopo l'approvazione degli Statuti nazionale e regionale.



Art. 6


(Compiti dell'Assemblea di Circolo)



L'Assemblea di Circolo deve provvedere, ai sensi dei successivi articoli, ai seguenti adempimenti:


  1. eleggere i componenti del Direttivo di Circolo

  2. eleggere i delegati all'assemblea Comunale




Art. 7


(Direttivo di Circolo)



Il numero dei componenti del Direttivo di Circolo è deciso dall'Assemblea di Circolo.

Fanno inoltre parte del Direttivo di Circolo i membri di diritto ed eletti nell'Assemblea provinciale afferenti al Circolo stesso nonché il Sindaco, se aderente al PD, ed il Capogruppo consiliare del PD, qualora il Circolo coincida con il territorio comunale.


I componenti del direttivo eleggono i delegati all'Assemblea Provinciale secondo le modalità che verranno indicate dall'Esecutivo Provinciale.




Art. 8


(Assemblea comunale o sovracomunale del PD)



L'assemblea comunale del PD è composta da:


  1. i delegati eletti dalle Assemblee dei Circoli costituiti nel Comune;


  1. dai membri di diritto: eletti nelle Assemblee costituenti nazionale e regionale residenti nel Comune, Sindaco (se del PD) e Capogruppo comunale del PD e, se residenti nel Comune, Consiglieri regionali e Parlamentari aderenti a Gruppi del PD; inoltre, i Segretari dei Circoli del PD.



Art. 9


(Assemblea provinciale del PD)



L'Assemblea provinciale del PD è composta da:


  1. i delegati eletti alla Assemblea provinciale;


  1. i membri del Coordinamento provinciale esistente.




Art. 10


(Modalità di presentazione delle autocandidature e svolgimento delle elezioni)



Le autocandidature a componente il Direttivo di Circolo, nonché - ove previsto - a delegato per il livello comunale possono essere presentate o all'UTAP competente entro il giorno precedente l'Assemblea del Circolo, con le modalità rese pubbliche dall'UTAP stesso, oppure al Presidente dell'Assemblea del Circolo entro 30 minuti dall'inizio dei lavori dell'Assemblea stessa.


E' ammessa la candidatura in un'Assemblea eventualmente anche diversa da quella del Circolo di appartenenza, fermo restando che ogni soggetto può presentarsi come candidato in un'unica Assemblea.


Sulla base delle autocandidature presentate viene predisposta la lista delle candidate e dei candidati (in ordine di presentazione) al Direttivo di Circolo nonché quelle delle candidate e dei candidati a delegato per il livello comunale o sovracomunale le liste devono essere esposte nei locali dell'Assemblea.


Il voto avviene di norma in forma palese, potrà essere espresso in forma segreta qualora ne faccia richiesta il 20% dei presenti all'Assemblea; ogni elettore ha facoltà di esprimere un voto per un uomo e un voto per una donna.


Le schede sono predisposte dall'UTAP competente e devono contenere due spazi in bianco per indicare esplicitamente i due nominativi.


Sulla base del numero dei voti ricevuti, posti in ordine decrescente, viene compilata una lista delle candidate e dei candidati; si procede quindi all'individuazione degli eletti attingendo da tale lista alternativamente il più votato dell'uno e dell'altro genere, procedendo per scorrimento della lista stessa.



Art. 11


(Elezione dei Segretari dei Circoli, dei Segretari comunali e dei Segretari provinciali)



Entro il 24 febbraio 2008, sulla base delle platee definite negli articoli 7, 8 e 9, i Segretari provinciali, in accordo con il Segretario regionale, convocano i Direttivi di Circolo per la elezione dei Segretari di Circolo, e le Assemblee comunali e provinciali per l'elezione dei rispettivi Segretari.


Il Presidente stabilisce un termine temporale di non più di 15 minuti dall'apertura dei lavori per la presentazione delle candidature.


Le candidature a Segretario comunale e a Segretario provinciale devono essere accompagnate da non meno del 5% e da non più del 10% di firme dei componenti delle assemblee.


A conclusione dei minuti previsti, il Presidente da la parola ai candidati, nell'ordine di presentazione, per illustrare la propria dichiarazione di intenti; segue eventuale dibattito


Al termine di tali interventi viene aperto il seggio per il voto; le operazioni di voto e scrutinio vengono gestite da 2 o più scrutatori designati dal Presidente.


Se al termine dello scrutinio nessun candidato è stato votato dalla maggioranza dei presenti, si procede immediatamente al ballottaggio tra i due più votati.


Relativamente ai Segretari di Circolo, se non vi sono candidature presentate oppure se anche il turno di ballottaggio ha avuto esito nullo, il Segretario provinciale nomina un Segretario pro tempore per la gestione delle attività fino al primo Congresso del PD.




Art. 12


(Forum tematici)


I forum tematici, aperti anche a quanti non aderiscono al Partito Democratico, costituiscono forma privilegiata di coinvolgimento e approfondimento di tematiche politiche e sociali.


I forum tematici possono essere istituiti dalle Assemblee Provinciali o anche autonomamente da gruppi aderenti.


L'istituzione dei Forum è segnalata al Segretario provinciale.


I Forum tematici promuovono iniziative e campagne ed elaborano documenti da portare all'approvazione degli organismi del Partito.


I Forum tematici non esprimono la linea politica del Partito Democratico.




Art. 13


(L'organizzazione giovanile del Partito Democratico)



Il Partito Democratico del Friuli Venezia Giulia intende incentivare al massimo la partecipazione ed il coinvolgimento dei giovani, secondo le modalità proprie dell'età e della condizione.


La rappresentanza negli organismi dirigenti del PD, la costituzione e le forme organizzative del movimento giovanile del PD si realizzeranno secondo le modalità ed i tempi stabiliti dal livello nazionale e di concerto con il gruppo di lavoro regionale "under 30" costituito a seguito della 1a Assemblea costituente regionale del PD.




Art. 14


(Organo di garanzia)



Il Collegio regionale dei Garanti decide sulle controversie sorte in fase di applicazione delle norme contenute nel presente Regolamento e vigila sul corretto e imparziale svolgimento delle procedure.


Eventuali reclami o ricorsi possono essere presentati, da ciascuno dei partecipanti, al Collegio dei garanti entro le 48 ore successive al fatto denunciato. I Garanti si pronunciano in modo inappellabile entro le 48 ore successive.




Art. 15


(Delega organizzativa)



L'Assemblea Provinciale delega la Segretaria provinciale ad attuare gli indirizzi sopra indicati, anche con il supporto degli UTAP.
















 

Organizzazione

 

 

Segretario: QUARIN IGNAZIO

 

Presidente: Quarin Alessandro

Tesoriere: Benvenuto Dina

 

 

Direttivo

1.BALLARIN PATRIZIA
2.BATTISTON VIRGINIO
3.BIANCO SANDRA
4.CANDIDO CARLO
5.CAPPELLARI FEDERICA
6.CENTIS MAICO
7.CENTIS STEFANO
8.COLLARILE GIACOMO
9.COSTANZO SALVATORE
10.DAL MOLIN DANIELE
11.DRIUSSO LORIS
12.FAVOT PAOLA
13.FRIGHETTO EDI
14.GIACOMEL DANIELE
15.MONTICO GIOVANNI
16.QUARIN DAVID
17.RUPE STEFANO

18.ZANINI LIALA

 

Delegati ASSEMBLEA PROVINCIALE :

1) BIANCO SANDRA

2) DI BISCEGLIE ANTONIO

3) FAVOT PAOLA

4) QUARIN ALESSANDRO

5) SCLIPPA PIERGIORGIO

6) ZANIN GIORGIO

 

Delegati ASSEMBLEA REGIONALE :

1) DI BISCEGLIE ANTONIO

 

Delegati ASSEMBLEA NAZIONALE :

1) ZANIN GIORGIO

 

Delegati DIREZIONE PD FVG :

1) DI BISCEGLIE ANTONIO

 

Capogruppo Consiglio Provinciale PD

1) ZANIN GIORGIO

 

Sede: p.zza del Popolo 56
Comune di San Vito al Tagliamento

Risorse

 

Comune di San Vito al Tagliamento

Sito web: www.comune.san-vito-al-tagliamento.pn.it

 

Nome Abitanti sanvitesi

Numero Abitanti 14.450
C.A.P 33078
Densità (ab/kmq) 0.00
Superfice (kmq) 60.71

Distanza dal Capoluogo (km) 20

Altitudine (m. s.l.m.) 0
Longitudine 12° 51' 24"
Latitudine 45° 54' 53"
Frazioni

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie, anche di terze parti per migliorare la tua navigazione sul sito. Se vuoi saperne di più clicca QUI